MANOVRE ROSSONERE

Milan, fatta per Matija Popovic: arriva a gennaio

 L'attaccante classe 2006 arriverà a parametro zero e si allenerà con la prima squadra. Tentativo per anticipare l'arrivo di Miranda. E Arteta apre su Kiwior

@ipp

Con Pierre Kalulu, Malick Thiaw e Marco Pellegrino che saranno out ancora a lungo e Simon Kjaer che convive con continui problemi fisici (ha iniziato a lavorare sul campo), anche a Bergamo come col Frosinone Stefano Pioli sarà probabilmente ancora costretto a schierare Theo Hernandez da centrale difensivo. L'emergenza infortuni che come sempre in inverno non ha risparmiato il Milan si è accanita soprattutto sul reparto di difesa e per correre al riparo i dirigenti rossoneri guardano al mercato di gennaio alla ricerca di un elemento che possa essere utile e pronto nell'immediato, ma magari anche futuribile per le prossime stagioni (come era accaduto con Fikayo Tomori nel 2021). Il nome in cima alla lista dei desideri della squadra mercato è quello di Jakub Kiwior, centrale classe 2000 ex Spezia che all'Arsenal sta trovando poco spazio e già a gennaio potrebbe fare le valigie. Intanto è fatta per Matija Popovic, attaccante classe 2006 che arriverà a gennaio a parametro zero dal Partizan Belgrado.

MILAN, FATTA PER POPOVIC  Partiamo dall'acquisto più vicino, quello di Popovic. Secondo Sky è stato trovato l'accordo col giocatore serbo, il cui contratto col Partizan Belgrado scadrà il 31 dicembre e quindi approderà a gennaio a parametro zero. Mancano solo i dettagli poi il diciottenne - in realtà li compirà l' 8 gennaio, data dopo la quale è atteso il suo arrivo in Italia - potrà fare le visite mediche e firmare il nuovo contratto. Accordo da quattro anni e mezzo per un prospetto offensivo in cui la dirigenza crede molto tanto che si allenerà da subito con la prima squadra. Alto 195 centimetri, è un giocatore tecnico (col Partizan Under aveva segnato 21 gol in 25 partite) e non è un caso che possa partire pure da trequartista. Era seguito da diversi club, se lo è accaparrato il Milan.

Milan, arriva Matija Popovic: profilo e caratteristiche

1 di 3  

MILAN, TENTATIVO PER MIRANDA A GENNAIO  Un altro obiettivo da non scordare è quello di Juan Miranda, terzino sinistro del Betis. L'idea è quella di tesserarlo a fine stagione, vista la scadenza del contratto a giugno, ma nelle prossime ore potrebbe esserci un contatto col club spagnolo per capire eventuali margini di un arrivo anticipato a gennaio.

MILAN, IN DIFESA PIACE KIWIOR  Il nome in cima alla lista dei desideri per la difesa invece è quello di  Jakub Kiwior, centrale classe 2000 ex Spezia che all'Arsenal sta trovando poco spazio e già a gennaio potrebbe fare le valigie. "Noi vogliamo migliorarci sempre e aggiungere a ciò che abbiamo - ha dichiarato il tecnico dei Gunner,  Mikel Arteta, in conferenza stampa prima della gara col Luton - Perciò  non posso garantire che nessun giocatore dell'Arsenal parta a gennaio. Non posso dirlo in direzione Newcastle o in qualunque altro club".

Una vera e propria apertura all'addio da parte del tecnico spagnolo, ma nonostante ciò e il gradimento dei rossoneri, la trattativa non appare per nulla semplice. Come si capisce dalle parole di Arteta infatti, l'ex-Spezia potrebbe partire nel mercato invernale, ma per "aggiungere" qualcosa e quindi per finanziare altri colpi.

Per il suo difensore l'Arsenal vorrebbe un'offerta per un addio a titolo definitivo, onerosa e che non crei minusvalenze rispetto ai 25 milioni spesi solo un anno fa, ma il Milan non ha certo 25 milioni da mettere sul piatto e punta a 'un'operazione in stile Tomori' che possa posticipare l'eventuale (e non obbligatorio) riscatto a fine stagione. La distanza è tanta, ma per il Milan Kiwior è una priorità.

Vedi anche
Calcio

Milan, Cardinale e RedBird cercano nuovi capitali: dal Barhein rispunta Investcorp

Notizie del Giorno
verso lecce-inter

Inter: Sommer ha la febbre, Sanchez più di Arnautovic al fianco di Lautaro

EUROPA LEAGUE

Europa League, ecco gli ottavi: Roma col Brighton, l'Atalanta ritrova lo Sporting, per il Milan c'è lo Slavia

LE AVVERSARIE IN COPPA

Allenatori all'avanguardia e organizzazione di livello: i rischi per le italiane

l'intervista

Milan, Gabbia: "Vincere l'Europa League? E' doveroso provarci" 

Formula 1

Hamilton: "La Ferrari è un sogno d'infanzia, ho colto l'opportunità e la sfida"

IL COMMENTO

Europa League, Totti teme il Brighton: "Avversario ostico, De Zerbi ci conosce bene"