IL RITORNO

Milan, finalmente Leao: la lesione è guarita. Nel mirino c'è il Newcastle

 Difficilmente il portoghese sarà a disposizione per l'Atalanta: ha più speranze Kjaer. Certo il rientro in Champions League 

@Getty Images

Rafa Leao è guarito. Il portoghese, fermatosi lo scorso 11 novembre per una lesione al bicipite femorale della coscia destra, ha ufficialmente smaltito il problema fisico. Lo testimoniano gli esami svolti stamane dal numero 10 rossonero: adesso può scattare il percorso per il rientro in squadra. L'ex Lille tornerà quest'oggi in campo per un allenamento personalizzato (trattasi nel dettaglio di riatletizzazione), solo successivamente si riunirà al gruppo. Difficile quindi una sua presenza sabato con l'Atalanta: al massimo Pioli lo convocherà per la panchina. 

Vedi anche
Calcio

Milan, Leao: "Mi sento bene ma non voglio rischiare, allo scudetto ci credo ancora"

Leao, che non si vede in campo da  Lecce-Milan (match terminato 2-2), lo aveva già annunciato al Gran Galà del calcio: "Non voglio correre rischi". Ecco quindi che con gli orobici di Gasperini si procederà con estrema cautela. Quasi scontato invece il suo utilizzo in Champions League in occasione della sfida in casa del Newcastle: i rossoneri si giocheranno tanto, se non tutto. Rafa quindi, è indispensabile.

KJAER A MILANELLO: VIA AL LAVORO PERSONALIZZATO

Dicevamo del percorso di riatletizzazione al quale si dovrà sottoporre Leao: Simon Kjaer, ai box da prima della sfida col Napoli, l'ha iniziato quest'oggi nel centro sportivo di Carnago. Difficile ma non impossibile vedere il difensore a Bergamo.

Notizie del Giorno
esclusiva

Sinner in esclusiva: "Vado a Parigi per prendermi una medaglia"

BOLOGNA-VERONA 2-0

Serie A, Bologna-Verona 2-0: Fabbian lancia Thiago Motta al quarto posto

SERIE A

Serie A, anticipi e posticipi dalla 28esima alla 30esima giornata

INTER

Inter, Marotta: "Thuram-Lukaku? A volte serve anche culo"

INTER

Inter, Dumfries ci ripensa: si torna a trattare per il rinnovo

l'intervista

Milan, Gabbia: "Vincere l'Europa League? E' doveroso provarci"