INTER

Inter: dalla fase difensiva al rientro di Lautaro, il derby scudetto passa dai dettagli

 Inzaghi studia le mosse anti-Milan: il ruolo degli esterni altro punto chiave nella sfida che può valere la seconda stella

@Getty Images
Getty Images

Quattro gol incassati nelle ultime quattro partite di campionato tra Napoli, Empoli, Udinese e Cagliari: solo contro i toscani la porta dell'Inter è rimasta inviolata. Un dato in controtendenza rispetto all'andamento stagionale, praticamente un quarto delle reti complessivamente incassate in tutto l'arco della stagione (17). Contro il Milan, nel derby che in caso di successo può valere la seconda stella, Inzaghi riparte dunque dalla ricerca di una solidità difensiva in parte scalfita. In particolare correggendo le sbavature risultate evidenti contro il Cagliari: più che contro il Napoli o l'Udinese, è la fase difensiva (copertura del centrocampo, presidio delle fasce, sincronismi dei tre centrali) ad aver mostrato più di una crepa (qualcosa di simile se era visto anche contro l'Empoli). La spinta di Theo Hernandez e Leao da una parte e di Pulisic dall'altra, le incursioni centrali di Loftus-Cheek e Reijnders e la profondità dettata da Giroud sono i punti di forza del Milan da neutralizzare.

Poi viene la fase offensiva che potrà beneficiare del rientro di Lautaro: l'argentino, alla ricerca di un gol che in campionato gli manca da sei giornate ( l'ultima rete contro l'Atalanta il 28 febbraio), è fondamentale anche in fase di costruzione, cosa quanto mai evidente contro il Cagliari quando la sua assenza è risultata pesante non solo all'interno dell'area di rigore avversaria. Lo stesso Thuram, che il gol lo ha invece ritrovato proprio contro i sardi, ha nell'argentino il partner ideale per poter liberare la sua corsa e tagliare la difesa avversaria con i suoi strappi. Una volta ancora, come nei cinque precedenti derby vinti dai nerazzurri, saranno però le fasce a risultare decisive: la spinta di Dimarco e Dumfries (l'olandese è favorito al momento su Darmian) è ciò che ha più messo in crisi il Milan negli ultimi confronti, alla pari, per lo meno, con le incursioni di Mkitaryan, equilibratore del centrocampo nerazzurro ma anche implacabile marcatore nei derby di Champions e campionato. Detto questo, con la ripresa degli allenamenti avvenuta ieri, sulle scelte di formazione resta almeno un altro dubbio oltre a quello già citato relativo alla fascia destra: in difesa, dove è invece certo il rientro di Pavard, c'è De Vrij che insidia Acerbi, apparso appannato e stanco contro il Cagliari. A oggi Inzaghi ha tutta la rosa a disposizione e davanti ancora quattro giorni per ponderare tutto con la massima calma: nel derby scudetto saranno i minimi dettagli a fare la differenza.

Notizie del Giorno
L'EX PRESIDENTE

Moratti: "Ricomprare l'Inter? Non la vedo facile. Ma non lo escludo"

LA SCELTA

Inter, chi è Carlo Marchetti: il primo candidato a diventare presidente con Oaktree

il piano oaktree

Inter, la prima mossa di Oaktree: il rinnovo di Inzaghi

JUVENTUS

Juventus: giorni caldi per il rinnovo di Rabiot, l'Inter alla finestra

ATTESA PER L'ANNUNCIO

Juve, pronto il contratto di Motta: la prossima settimana la firma in Portogallo

NUOVA ERA

Fonseca studia il dossier Milan: le due missioni aspettando il mercato