FORMULA 1

Carlos Sainz non si sbilancia sul suo futuro: "Ci sono ottime possibilità, ma non tutte dipendono da me"

 Il pilota della Ferrari ha parlato delle prospettive per il 2025 nel corso della conferenza stampa stampa alla vigilia del Gran Premio della Cina 

di
@Getty Images

Quale sarà il futuro di Carlos Sainz? È ancora un mistero visto che il pilota spagnolo non ha ancora svelato i suoi piani per il 2025, stagione in cui lascerà la Ferrari per cedere il posto a Lewis Hamilton. Il talento iberico non si è espresso alla vigilia del Gran Premio di Cina preferendo concentrarsi sull'attualità e sulla possibilità di giocarsi le proprie chance con il Cavallino Rampante. 

F1, niente macchine: i piloti si preparano al GP di Cina con altri sport

1 di 19  

"Ho parlato con tutti i team e tutte le opzioni sono aperte. Non ci sono stati molti progressi nelle ultime due settimane e comunque ci vorrà un po' di tempo perché ognuno prenda le proprie decisioni - ha spiegato Sainz in conferenza stampa -. Ci sono ottime opzioni, il che mi fa essere ottimista per il mio futuro. Allo stesso tempo, so che alcune di queste opzioni non dipendono completamente da me, come ho detto, ma dalle decisioni di altre persone, il che significa che devo aspettare e continuare a fare quello che sto facendo, sperando che le cose si decidano prima o poi. Spero di non dover aspettare tutto l'anno, ma se sara' piu' tardi e le cose andranno ancora bene, saro' felice di farlo".

Nonostante i forti richiami provenienti dalla Mercedes, il 29enne madrileno conserva un po' il rimpianto per dover lasciare la Ferrari ora che è stata messa a punto una vettura competitiva, in grado di dare qualche grattacapo alla Red Bull: "Dopo tanto lavoro, con tutto il tempo che abbiamo dedicato a Maranello, il progetto comincia a dare i suoi frutti. Facciamo meglio come squadra, mi fido di piu' della macchina. Questo mi rende molto felice per quest'anno, ma anche triste che non possiamo continuare insieme" 

Notizie del Giorno
PARLA IL CT

Italia, Spalletti: "Blocco Inter fondamentale, forti come lo erano quelli del blocco Juve '82"

LE PAROLE

Milan, senti Mbappé: "Io in Italia? Se ci andrò sarà per i rossoneri"

INTER

Inter: summit di due ore tra i vertici di Oaktree, Marotta e Inzaghi

la situazione

Lautaro-Inter, il rinnovo che si candida a diventare tormentone

NAPOLI

Psg su Kvaratskhelia, l'agente: "L'offerta c'è, ora tutto dipende da AdL"
 

VERSO OLYMPIACOS-FIORENTINA

Conference, Mendilibar: "In finale il segreto è stare tranquilli"