ROMA-MILAN 2-1

Europa League, Roma-Milan 2-1: giallorossi stoici, in dieci per un'ora volano in semifinale con Mancini e Dybala

 Mancini e Dybala firmano il successo all'Olimpico che elimina i rossoneri. Celik espulso al 30', infortunio per Lukaku 

@Getty Images

La Roma ha battuto 2-1 il Milan nel ritorno dei quarti di finale di Europa League qualificandosi, bissando il successo di San Siro, alla semifinale doe affronterà il Leverkusen. I giallorossi hanno respinto gli intenti bellicosi dei rossoneri colpendo già al 12' con Mancini dopo un palo di Pellegrini e colpendo in contropiede al 22' con Dybala dopo un'azione dirompente di Lukaku. L'espulsione di Celik al 30' ha costretto la Roma a difendersi a oltranza per un'ora di gioco capitolando solo nel finale con un colpo di testa di Gabbia.

Roma-Milan: lo spettacolo dell'Olimpico

1 di 15  

LA PARTITA

Una vittoria epica, resa ancora più incredibile dalla grandine e da un'ora giocata in inferiorità numerica. Alla faccia dei numeri, della scaramanzia, della classifica in campionato e dell'esperienza in panchina, la Roma di De Rossi ha eliminato il Milan di Pioli bissando il successo dell'andata nei quarti di finale di Europa League con un 2-1 in una sfida mai in discussione e difesa con ordine, quello mancato al Milan in fase offensiva. Letale nel colpire nelle prime due occasioni lasciando il pallino del gioco ai rossoneri, la Roma ha saputo respingere ogni velleità del Diavolo andandosi a prendere la semifinale contro il Leverkusen senza nemmeno faticare troppo in fin dei conti.

Come all'andata De Rossi ha scelto un 4-4-2 ibrido per tarpare le ali, in tutti i sensi, al Milan che dal proprio canto si è presentato in campo con una nuova pelle per scardinare la fase difensiva giallorossa, con Musah largo a destro e Pulisic più vicino a Giroud in una sorta di 4-1-4-1 asimmetrico in un castello crollato pressoché subito. Al 12' dopo una incursione centrale di Mancini dalle retrovie, il pallone si è impennato e una magia - voluta o casuale conta poco - del difensore giallorosso ha permesso a Pellegrini un tiro dal limite stampato sul palo sul quale si è avventato lo stesso Mancini, già in gol all'andata, per il vantaggio che ha mandato in tilt ogni piano di rimonta. La reazione del Milan, più nervosa che costruita, è arrivata immediatamente ma si è fermata sulla traversa di Loftus-Cheek mentre su una ripartenza di Lukaku al 22', Gabbia dopo aver accettato l'uno contro uno a campo aperto con il belga (perdendolo nettamente) ha consegnato a Dybala il pallone del raddoppio.

La partita ha cambiato definitivamente volto però alla mezz'ora quando Celik nel tentativo di fermare la prima sgroppata di Leao le ha tentate tutte, troppe, venendo espulso e disegnando un'ora di 'muretto allargato" con dieci giocatori del Milan a tentare di trovare un varco nella difesa a oltranza della Roma in area di rigore. Tattica inevitabile e giusta quella adottata da De Rossi che ha tolto spazio e campo al Milan spostando la contesa sulla fisicità, rendendo pressoché inutile - se non deleterio - l'all-in offensivo di Pioli nella ripresa, in campo con cinque attaccanti ma capace di trovare il gol nel finale solo con Gabbia. Assente ingiustificato dal match Rafa Leao, sparito tra le maglie giallorosso dopo i proclami da leader della vigilia. 

--

LE PAGELLE

Dybala 7 - L'espulsione di Celik fa durare la sua partita meno di un tempo, ma tanto gli basta per infilare la palla in buca d'angolo con un mancino sul secondo palo chirurgico. Palla al piede tiene in apprensione tutti i difensori rossoneri.

Mancini 7 - Il bomber di aprile si ripete ancora impreziosendo l'azione con un stop di tacco. Lesto a fiondarsi sulla palla respinta dal palo, conferma l'ottima prestazione difendendo con attenzione e fisicità.

Celik 5 - Espulsione giusta o severa? Quel che conta è che il cartellino rosso preso alla mezz'ora condiziona pesantemente la Roma costringendo la formazione di De Rossi a trasformare la sfida in una battaglia epica per oltre un'ora di gioco in inferiorità numerica.

Abraham 6,5 - Non giocava così tanti minuti da un anno, ma il modo in cui è entrato in campo ha dato entusiasmo e coraggio a tutti i compagni. Lottatore per tutto il rettangolo di gioco anche in inferiorità numerica. Si divora un gol clamoroso a metà ripresa.

Gabbia 4 - Serata da dimenticare per il difensore di Pioli, per scelte tattiche ed errori tecnici. Accetta il duello tutto fisico e velocità con Lukaku e viene spazzato via, poi in confusione regala a Dybala il pallone del raddoppio. Anche a inizio ripresa si prende un giallo che lo manda ancora più in confusione come quando concede ad Abraham una palla gol da pochi metri scivolando goffamente.

Leao 4,5 - La cosa più importante del match la fa quando scappando sulla fascia costringe Celik a un intervento giudicato da espulsione. Gli intenti da leader della vigilia sono rimasti tali, sul campo si fa vedere poco e male. L'assist lo trova solo nel finale, ma non cancella una prestazione deludente.

Chukwueze 6 - Mandato in campo nella ripresa l'esterno nigeriano punta costantemente l'uomo per cercare di creare occasioni per i compagni. Iniziative lodevoli, spesso riuscite, ma imprecise nel passaggio finale.

Giroud 5 - Impalpabile in mezzo alla marcatura di Smalling (soprattutto) e Mancini. Non vince i duelli e non riesce a essere utile né in fase conclusiva né in fase di costruzione della manovra.

Pioli 4 - Se questo turno e il derby dovessero davvero essere decisivi per il futuro, il destino del tecnico sembra segnato. Poche idee e confuse, tanto da andare sotto di due gol immediatamente in una partita da gestire per poi buttare tutti nella mischia in superiorità numerica senza un'idea per scardinare la difesa giallorossa.

--

IL TABELLINO

ROMA-MILAN 2-1 (and. 1-0)
Roma (4-3-3)
: Svilar 6,5; Celik 5, Mancini 7, Smalling 7, Spinazzola 6; Bove 6,5 (36' st Renato Sanches sv), Paredes 7, Pellegrini 6,5 (36' st Angelino sv); El Shaarawy 6, Lukaku 6,5 (28' Abraham 6,5), Dybala 7 (43' Llorente 6,5). A disp.: Rui Patricio, Boer, Karsdorp, Azmoun, Aouar, Baldanzi, Zalewski, Joao Costa. All.: De Rossi 7.
Milan (4-2-3-1): Maignan 5; Calabria 4,5 (1' st Chukwueze 6), Gabbia 5, Tomori 5, Hernandez 5; Bennacer 5 (40' Jovic 5,5), Musah 6 (24' st Florenzi 6); Pulisic 6 (24' st Okafor 5,5), Loftus-Cheek 5,5 (1' st Reijnders 5,5), Leao 4,5; Giroud 5. A disp.: Sportiello, Nava, Adli, Thiaw, Terracciano, Zeroli, Bartesaghi. All.: Pioli 4.
Arbitro: Marciniak
Marcatori: 12' Mancini (R), 22' Dybala (R), 40' st Gabbia (M)
Ammoniti: Gabbia, Adli, Calabria, Tomori, Hernandez (M)
Espulsi: 30' Celik (R) per gioco violento;
--

Notizie del Giorno
OLYMPIACOS-FIORENTINA 1-0 dts

L'Olympiacos vince la Conference League: Fiorentina ko 1-0 ai supplementari 

QUI FIORENTINA

Fiorentina, Italiano: "Una grande delusione, fa male. Non meritavamo di perdere"

CHE BEFFA

Fiorentina ko: niente Conference League per il Torino

L'ANNUNCIO

Bonucci lascia il calcio: "Sognavo questa storia da raccontare"

L'EX PRESIDENTE

Moratti: "Ricomprare l'Inter? Non la vedo facile. Ma non lo escludo"

il piano oaktree

Inter, la prima mossa di Oaktree: il rinnovo di Inzaghi