QUI ROMA

Roma, De Rossi: "Serviva la gara perfetta, orgoglioso di questa squadra"

 Il tecnico giallorosso dopo il Milan: "Non era facile, siamo stati bravi giocando una gara intensa e intelligente"

@ansa

Dopo la vittoria col Milan e il passaggio in semifinale di Europa League, Daniele De Rossi si gode il risultato e il momento. "Per battere una squadra come il Milan c'era bisogno dell'eccellenza, quasi della perfezione - ha spiegato il tecnico della Roma -. Serviva un grande cuore una volta rimasti in dieci. Bisognava fare una gara intensa e intelligente". "E' un orgoglio essere l'allenatore di questa squadra. Non era facile - ha aggiunto -. Il Milan è forte e ha giocato bene. Siamo stati bravi". 

Roma, Mancini segna e dedica il gol a Mattia Giani

1 di 8  
Vedi anche
Calcio

Europa League, Roma-Milan 2-1: giallorossi stoici, in dieci per un'ora volano in semifinale con Mancini e Dybala

"E' stata un doppio confronto equilibrato nonostante i pronostici - ha proseguito l'allenatore giallorosso -. Non abbiamo mai sofferto troppo tranne gli ultimi 15' dell'andata e dopo essere rimasti in dieci al ritorno". "Stasera siamo partiti bene. Avevamo qualcosa di magico addosso - ha proseguito analizzando la gara coi rossoneri -. Loro comunque han fatto bene e per 50' ci hanno messo in difficoltà, ma non sono riusciti a segnare".

"Abbiamo cercato di attaccare sempre lo spazio con tanti uomini. Tutti hanno questo compito quando giocano la palla - ha continuato De Rossi -. Mancini si trova a suo agio nella trequarti offensiva e lo lasciamo libero in quella zona. I difensori bloccati dietro non li ha più nessuno". " La differenza la fa sempre crederci - ha aggiunto -. A nessuno cade la corona se fa due metri in più di corsa e il premio che si riceve è gigante".

Infine qualche considerazione sul calcio italiano dopo aver piazzato cinque squadre nella prossima Champions. " Il livello del calcio italiano è alto. In passato eravamo i più forti di tutti e ora non è più così - ha spiegato De Rossi -. Abbiamo avuto una fase di stanca in cui facevamo fatica in Europa, ma ormai sono 4-5 anni che facciamo bene". "Non è sempre più verde l'erba del vicino. Tanti giocatori vogliono venire a giocare in Italia - ha concluso -. Servono idee e calcio interessanti in ambienti entusiasmanti come l'Olimpico. In Italia poi si formano tanti allenatori bravi. "

Notizie del Giorno
OLYMPIACOS-FIORENTINA 1-0 dts

L'Olympiacos vince la Conference League: Fiorentina ko 1-0 ai supplementari 

QUI FIORENTINA

Fiorentina, Italiano: "Una grande delusione, fa male. Non meritavamo di perdere"

CHE BEFFA

Fiorentina ko: niente Conference League per il Torino

L'ANNUNCIO

Bonucci lascia il calcio: "Sognavo questa storia da raccontare"

L'EX PRESIDENTE

Moratti: "Ricomprare l'Inter? Non la vedo facile. Ma non lo escludo"

il piano oaktree

Inter, la prima mossa di Oaktree: il rinnovo di Inzaghi