EMPOLI-NAPOLI 1-0

Serie A, l'Empoli fa l'impresa: Cerri firma l'1-0 su un Napoli irriconoscibile

 I campioni d'Italia continuano a vivere un incubo dopo lo scudetto. Al Castellani non sono mai pericolosi e vengono puniti dall'attaccante, che non segnava nella massima serie da tre anni

@Getty Images

La 33a giornata della Serie A fa proseguire l'incubo del Napoli, che subisce la decima sconfitta stagionale con una prova assolutamente incolore al Castellani. Di contro, l'Empoli fa l'impresa e vince 1-0, capitalizzando nel migliore dei modi la rete di Cerri dopo soli quattro minuti. L'attaccante si infortuna al 20', ma i ragazzi di Nicola fanno la partita perfetta: il successo vale il +4 sulla terzultima, aspettando i risultati delle rivali. 

Empoli-Napoli, le foto del match

1 di 20  

LA PARTITA
L'Empoli fa l'impresa, il Napoli prosegue nel suo infinito incubo: è questo il responso del Castellani, che assiste alla vittoria per 1-0 dei padroni di casa. Nicola e i suoi colpiscono subito e poi non concedono la minima occasione a una rivale spenta e avviluppata nell'incertezza, che non riesce mai a svoltare nell'arco della gara. I campioni d'Italia vanno in svantaggio dopo soli quattro minuti, confermando un trend che li vede subire gol dal 28 gennaio. Natan e Juan Jesus sono morbidi in marcatura sulla sinistra, Fazzini serve Gyasi e quest'ultimo crossa per Cerri: stacco imperioso e gol dell'attaccante, che non segnava in Serie da Cagliari-Parma del 17 aprile 2021. Il Napoli soffre tremendamente il pressing e l'organizzazione rivale e, nel prosieguo del primo tempo, i partenopei si limitano a un flebile squillo con Kvara che è il loro unico tiro in porta. Di contro, l'Empoli non cala d'intensità neanche dopo l'infortunio di Cerri. L'attaccante lascia il campo dopo venti minuti (dentro Niang), ma i toscani sfiorano due volte il raddoppio e colpiscono il palo con l'impreciso Cambiaghi. 

Un primo tempo dominato dai padroni di casa, dunque, si chiude sull'1-0. Nella ripresa Calzona inserisce Mazzocchi per registrare la sua difesa e stravolge l'attacco, cambiando gli esterni ed inserendo Raspadori e Ngonge, ma la musica non cambia. Il Napoli bussa alla porta dell'Empoli solo una volta, con Kvaratskhelia (sostituito al 72'), e i toscani non concedono nulla ai rivali. Esulta Davide Nicola dunque, al Castellani: 1-0 sui campioni d'Italia e +4 sulla terzultima, con l'Empoli a quota 31 punti. Calzona e i suoi restano ottavi con 49 punti, per ora in zona-Conference (grazie al quinto slot in Champions) e dietro a Lazio (52) ed Atalanta (51). Torino (45) e Fiorentina (44) potrebbero accorciare e mettere nuovamente a rischio la qualificazione alle coppe per il Napoli, che rischia di effettuare una delle peggiori difese del titolo di sempre: al momento, il record negativo è l'undicesimo posto del Milan 1996/97. 

LE PAGELLE
Fazzini 7 - Cerri segna, ma il migliore in campo è il centrocampista schierato da Nicola. Fa impazzire la difesa del Napoli coi suoi continui inserimenti e rientra con efficacia a difendere. Un uomo a tutto campo che esce stremato al 70'.

Cerri 6.5 - Venti minuti di altissima qualità. Sblocca la sfida, fa da sponda per i compagni e da solo tiene in scacco tre difensori. Esce per un problema al flessore, ma c'è il suo marchio indelebile sulla vittoria. 

Kvaratskhelia 5.5 - Gli unici due squilli del Napoli nei primi 75 minuti sono suoi, ma la prestazione non può essere sicuramente definita positiva. Appare e scompare nell'arco della gara, con una tendenza ad accentrarsi che priva il Napoli di soluzioni offensive. 

Osimhen 5 - L'emblema di un Napoli sotto pressione e irriconoscibile. Non riesce a comandare l'attacco, spreca tantissime energie muovendosi da un lato all'altro del fronte offensivo e sbaglia un'infinità di palloni. Prestazione da dimenticare, non è mai pericoloso. 

Natan 4.5 - Gira costantemente a vuoto nel primo tempo, non riuscendo mai ad interpretare il doppio ruolo di Fazzini, sia mezzala che ispiratore nel 3-4-2-1. Morbido e molle nella (non) marcatura che porta alla rete dell'1-0, Calzona lo sostituisce all'intervallo. 

IL TABELLINO
EMPOLI (3-4-2-1) - Caprile 6; Bereszynski 6.5, Walukiewicz 6.5, Luperto 6.5; Gyasi 6.5, Grassi 6.5 (37' st Bastoni sv), Maleh 6, Pezzella 6 (37' st Cacace sv); Fazzini 7 (25' st Zurkowski 6), Cambiaghi 6 (25' st Cancellieri 6); Cerri 6.5 (20' Niang 6). A disposizione: Perisan, Seghetti, Goglichidze, Shpendi, Kovalenko, Caputo, Marin, Destro. Allenatore: Nicola.
NAPOLI (4-3-3) - Meret 6; Di Lorenzo 5.5, Ostigard 5.5, Juan Jesus 5, Natan 4.5 (1' st Mazzocchi 5.5); Anguissa 6 (43' st Simeone sv), Lobotka 6, Zielinski 5.5; Politano 5.5 (27' st Ngonge 5.5), Osimhen 5, Kvaratskhelia 5.5 (27' st Raspadori 5.5). A disposizione: Contini, Gollini, Traoré; Cajuste, Lindstrøm, Dendoncker, D'Avino. Allenatore: Calzona.
Arbitro: Manganiello.
Marcatori: 4' Cerri (E).
Ammoniti: Juan Jesus (N), Pezzella (E), Bereszynski (E), Ngonge (N).

LE STATISTICHE
L’Empoli ha ottenuto due successi interni consecutivi in Serie A per la prima volta dallo scorso maggio (tre in quel caso, contro Bologna, Salernitana e Juventus).
L’Empoli ha vinto cinque delle ultime sette partite di Serie A contro il Napoli (2P) e dal 2019 in avanti quella partenopea è la formazione contro cui i toscani hanno collezionato più successi nella competizione (cinque appunto).
Alberto Cerri è tornato al gol in Serie A a distanza di 1099 giorni dall’ultima volta, il 17 aprile 2021 col Cagliari (v Parma); l’attaccante ha realizzato di testa tutte le ultime quattro marcature messe a segno nel torneo (sei reti totali per lui nella competizione).
Il gol di Alberto Cerri (3:42) è il più veloce segnato dall’Empoli in questa Serie A da quello di Francesco Caputo contro il Sassuolo il 26 novembre 2023 (3:36).
L’Empoli ha ottenuto cinque clean sheets interni contro il Napoli in Serie A e contro nessun’altra formazione ne conta di più (cinque anche contro Atalanta, Bologna, Fiorentina, Torino e Udinese).
Il Napoli ha perso 10 delle 33 gare giocate in questo campionato; nelle ultime 15 stagioni (dal 2009/10) i campani non hanno mai subito più sconfitte dopo lo stesso numero di partite disputate in un singolo torneo della competizione (10 anche nel 2019/20).
Il Napoli ha perso due delle ultime quattro gare di Serie A (1V, 1N), tante sconfitte quante quelle rimediate nelle precedenti 12 (4V, 6N).
Il Napoli non ha segnato in almeno sette gare esterne di un singolo campionato di Serie A per la prima volta dalla stagione 1997/98 (nove in quel caso).
Il Napoli non ha trovato la rete contro l’Empoli in due confronti consecutivi per la prima volta nello stesso campionato di Serie A; più in generale non succedeva nella competizione dal periodo tra febbraio 1998 (5-0) e settembre 2007 (0-0).
Il Napoli ha subito gol per almeno 12 gare consecutive di Serie A per la prima volta dal periodo compreso tra agosto 1997 e gennaio 1998 (17 in quel caso).
Emmanuel Gyasi ha servito oggi il primo assist con la maglia dell’Empoli in Serie A; il calciatore non forniva un passaggio vincente nella competizione dal 3 aprile 2021 con lo Spezia (v Lazio).
Considerando tutte le competizioni, Il Napoli ha subito almeno 12 reti di testa in una singola stagione per la prima volta dal 2014/15 (12 anche in quel caso).
Il Napoli ha fatto registrare un solo tiro totale nel primo tempo contro l’Empoli; tra tutte le competizioni di questa stagione, solo contro il Barcellona (zero) nell'andata degli ottavi di finale di Champions League ha fatto peggio in un 1° tempo di questa stagione.
Il Napoli ha tenuto nella gara contro l’Empoli una percentuale di possesso palla del 73.2%; in questo campionato di Serie A solo contro il Genoa lo scorso 17 febbraio la formazione partenopea ha fatto registrare un dato superiore (74.2%).
Alberto Grassi e Liberato Cacace hanno giocato oggi contro il Napoli la sua 50a partita con la maglia dell’Empoli, contando tutte le competizioni.

Notizie del Giorno
LE PAROLE

Milan, senti Mbappé: "Io in Italia? Se ci andrò sarà per i rossoneri"

INTER

Inter: summit di due ore tra i vertici di Oaktree, Marotta e Inzaghi

la situazione

Lautaro-Inter, il rinnovo che si candida a diventare tormentone

NAPOLI

Psg su Kvaratskhelia, l'agente: "L'offerta c'è, ora tutto dipende da AdL"
 

VERSO OLYMPIACOS-FIORENTINA

Conference, Italiano: "In finale dobbiamo essere perfetti e avere il fuoco dentro"

MANOVRE ROSSONERE

Milan, Zirkzee davanti a tutti: il nodo Premier e il doppio centravanti