POLONIA-AUSTRIA 1-3

Euro 2024: Polonia-Austria 1-3, l'interista Arnautovic a segno su rigore

 Per gli austriaci a segno anche Trauner e Baumgartner. Di Piatek il momentaneo 1-1: Lewandowski e compagni sono già eliminati

di
@Getty Images

Nella seconda giornata del gruppo D di Euro 2024, l'Austria batte 3-1 la Polonia e rimane in corsa per la qualificazione agli ottavi, mentre Lewandowski e compagni sono la prima squadra eliminata. All'Olympiastadion di Berlino partono fortissimo gli austriaci che sbloccano il match al 9' con il colpo di testa di Trauner. La Polonia si sveglia e trova il pari al 30' con una vecchia conoscenza del nostro calcio, Piatek. Il secondo tempo è a senso unico per i ragazzi di Rangnick: al 66' Baumgartner infila Szczesny dopo un delizioso velo di Arnautovic, poi l'attaccante dell'Inter cala il tris su rigore concesso per un atterramento di Sabitzer da parte del portiere della Juventus.

L'Austria vola nel segno di Arnautovic

1 di 23  

LA PARTITA
L'Austria spera ancora, la Polonia è fuori. E' questo il verdetto (scaturito anche dal successivo pari tra Francia e Olanda) uscito dall'Olympiastadion al termine di un match divertente che ha visto prevalere la squadra che complessivamente ha giocato meglio e ha avuto più coraggio. Tra i grandi protagonisti l'interista Arnautovic: imballato nel primo tempo, l'attaccante è cresciuto nella ripresa dove ha messo lo zampino nel secondo (splendido velo) e nel terzo gol (glaciale dal dischetto) dei suoi. Il migliore in campo è stato però Sabitzer, uomo ovunque della compagine di Rangnick. Dall'altra parte male Lewandowski, un fantasma nella mezzora in cui ha giocato. Il pareggio di Piatek aveva illuso i polacchi, crollati poi nella ripresa.

L'Austria, con l'interista Arnautovic al centro dell'attacco, parte fortissimo, costringendo subito sulla difensiva la Polonia che fatica a uscire dalla propria metà campo. La supremazia austriaca è premiata al 9': Mwene crossa dal fondo, Trauner di testa non lascia scampo a Szczesny. Il difensore del Feyenoord è la mossa azzeccata di Rangnick che lo manda in campo al posto di Wober, sfortunato protagonista dell'autorete che ha regalato la vittoria alla Francia all'esordio. Il gol subito sveglia Zielinski e compagni, mentre l'Austria inspiegabilmente lascia loro l'iniziativa. Zielinski e Zalewski creano due buone chance, ma è un'altra vecchia conoscenza della Serie A a ristabilire la parità alla mezzora: Trauner respinge un tiro di Bednarek, il pallone arriva sui piedi di Piatek che fulmina Pentz. L'Austria prova a scuotersi e con Sabitzer crea due chance da gol: al 39' contropiede Austria impostato da Baumgartner, che tra Arnautovic e Sabitzer ai suoi lati sceglie il secondo, tiro murato dalla difesa polacca. Al 42' il centrocampista del Borussia Dortmund ci prova da lontano, pallone che sfila alla destra di Szczesny non di molto. La prima frazione si chiude con la punizione di Zielinski, Pentz si salva in tuffo con la mano aperta.

Un cambio a testa nell'intervallo, ma è la mossa di Rangnick a essere vincente. Con l'ingresso di Wimmer, Baumgartner si accentra e per la Polonia è notte fonda. Al 66' splendido velo di Arnautovic, il giocatore del Lipsia controlla e di piatto spiazza Szczesny. La reazione dei polacchi è tutta in un tiro centrale di Swiderski, poi è solo Austria che legittima la vittoria. Szczesny fa il suo su Wimmer, ma al 77' non può fare altro che stendere Sabitzer lanciato a rete. Dal dischetto Arnautovic è glaciale, spiazza il portiere della Juve e cala il tris. A questo punto si aprono le praterie: Szczesny è prodigioso sul sinistro del bolognese Posch, all'85 Laimer salta il numero 1 avversario ma di sinistro non trova la porta. Dopo 4' minuti di recupero, con il triplice fischio di Meler esplode la festa austriaca in campo e sugli spalti. Austria-Olanda e Francia-Polonia le ultime gare del girone D.

LE PAGELLE
Sabitzer 7,5
- L'uomo ovunque dell'Austria che con i suoi inserimenti ha spaccato la retroguardia polacca. Va vicino al gol due volte nel primo tempo, si procura il rigore che chiude il match.
Trauner 7 - Dopo la Francia, Rangnick cambia la coppia di centrali e il difensore del Feyenoord ha il merito di sbloccare il match con un bel colpo di testa. Poi ribatte anche il tiro di Bednarek, sfortunatamente per lui sui piedi di Piatek che pareggia. Costretto a uscire per un problema fisico al 59'.
Baumgartner 7 - Nel primo tempo largo a destra soffre un po', cresce nella ripresa quando si piazza più centrale. Bello il piattone del 2-1.
Arnautovic 6,5 - Primo tempo senza acuti, si sveglia nella ripresa: prima lo splendido velo per il gol di Baumgartner, poi è glaciale dal dischetto per il tris austriaco.

Szczesny 6,5 - Vero che commette il fallo da rigore su Sabitzer (ma che altro poteva fare?), ma è straordinario su Wimmer prima e Posch poi.
Piatek 6,5 - Rimasto in panchina tutta la partita contro l'Olanda, il Pistolero non sbaglia alla prima occasione che gli capita. Non combina molto altro, ma il suo gol rimette in carreggiata la Polonia.
Lewandowski 4,5 - Ha l'alibi delle precarie condizioni fisiche, ma nella mezzora che gioca non lascia traccia se non per un fallo da ammonizione.

IL TABELLINO
POLONIA-AUSTRIA 1-3
Polonia (3-4-1-2)
: Szczesny 6,5; Bednarek 5, Dawidowicz 6, Kiwior 6; Frankowski 5,5, Piotrowski 5 (1' st Moder 5,5), Slisz 5,5 (30' st Grosicki 5,5), Zalewski 5,5; Zielinski 6 (42' st Urbanski sv); Buksa 5 (15' st Lewandowski 4,5), Piatek 6,5 (15' st Swiderski 6). A disp.: Salamon, Walukiewicz, Skorupski, Romanchuk, Puchacz, D. Szymanski, Bereszynski, S. Szymanski, Bulka, Skoras. All.: Probierz 5
Austria (4-2-3-1): Pentz 6,5; Posch 6,5, Trauner 7 (14' st Danso 6), Lienhart 6, Mwene 6,5 (18' st Prass 6); Seiwald 6, Grillitsch 5 (1' st Wimmer 6); Baumgartner 7 (36' st Schmid sv), Laimer 6, Sabitzer 7,5; Arnautovic 6,5 (36' st Gregoritsch sv). A disp.: Lindner, Wober, Hedl, Querfeld, Kainz, Daniliuc, Seidl, Weimann, Entrup, Grull. All.: Rangnick 6,5
Arbitro: Meler (Turchia)
Marcatori: 9' Trauner (A), 30' Piatek (P), 21' st Baumgartner (A), 33' st rig. Arnautovic (A)
Ammoniti: Slisz (P), Wimmer (A), Lewandowski (P), Arnautovic (A), Szczesny (P)
Espulsi: -
Note: -

Speciale Euro 2024
l'analisi

Talento al potere e meritocrazia: Spagna campione, giusto così

SPAGNA-INGHILTERRA 2-1

Finale Euro 2024, Spagna-Inghilterra 2-1: Furie Rosse campioni d'Europa per la quarta volta

I VOTI DELLA FINALE

Euro 2024, le pagelle di Spagna-Inghilterra: Yamal-Williams a memoria, Oyarzabal provvidenziale. Maledizione Kane

qui spagna

Morata: "Se torno in Italia al Milan? Vediamo, ora mi godo la vittoria"

QUI SPAGNA

Spagna, de la Fuente: "Vinto con merito, orgoglioso di questi ragazzi"

qui inghilterra

Inghilterra, la delusione di Kane: "Un'altra occasione mancata". Southgate: "Futuro? Non ora"